AMIANTO SORVEGLIANZA SANITARIA SARDEGNA

Amianto, visite uguali per tutti! L'assessore Arru unifica le procedure di sorveglianza sanitaria dei lavoratori ex esposti alla fibra killer.

Come annunciato nei giorni scorsi, l'assessore regionale alla Sanità Luigi Arru ha istituito per decreto un tavolo tecnico per uniformare in tutte le Asl dell'isola il piano di sorveglianza sanitaria degli ex esposti amianto. Ne faranno parte una quindicina di medici esperti in materia di sicurezza e rispetto della salute negli ambienti di lavoro tra i quali alcuni specialisti in malattie asbesto correlate. Al di là degli inevitabili tecnicismi del decreto, si tratta di una conquista degli ex esposti all'amianto e delle associazioni che li rappresentano – l'Aiea in primo luogo – perché consentirà di uniformare fra le varie Asl le procedure di sorveglianza sanitaria, cioè la frequenza e la tipologia di visite ed esami che gli ex esposti dovranno affrontare. Numerosi ex lavoratori, che poi si sono ammaliti di patologie asbesto correlate, hanno infatti denunciato di essere stati sottoposti a visite o esami superficiali che non hanno permesso di individuare per tempo la malattia che poi si è manifestata e in più di un caso ha portato alla morte. Solo nell'area industriale di Ottana, per esempio, negli ultimi anni ci sono state 120 vittime fra gli ex lavoratori.
Con il decreto dell'assessore Arru, in futuro ogni Spresal (il servizio di prevenzione e sicurezza sul lavoro che fa capo a ciascuna delle 8 Asl sarde) sarà tenuto ad adottare una procedura accurata nella sorveglianza sanitaria di patologie che spesso, ed è il caso di quelle legate all'amianto, vengono evidenziate solo da esami molto accurati. Il coordinamento del tavolo tecnico è stato affidato al medico Pietrina Manca, direttore del servizio Presal dell'Asl di Sanluri, l'azienda sanitaria capofila per la Sardegna in materia di amianto.

L'altro fronte sul quale gli ex esposti all'amianto cominciano a vedere riconosciuti i propri diritti riguarda l'Inail, con cui l'Aiea (insieme con Cgil e Anmil) ha in corso a sua volta un tavolo tecnico per il riconoscimento dell'esposizione all'amianto dei lavoratori delle aree industriali di Ottana e Assemini. Lo status, per nulla ambito ma necessario , di ex esposti sinora è stato riconosciuto dall'Inail solo a 12 lavoratori di Ottana su 1441 e la malattia professionale a sei persone su 77. Queste valutazioni sono state condizionate dalla relazione Contarp (consulenza tecnica accertamento rischi e prevenzione) che nel 2003 stabilì che nell'area industriale di Ottana non c'era mai stata esposizione all'amianto, nonostante sino a pochi anni prima ci fossero prove evidenti del contrario, Il confronto fra i rappresentanti dei lavoratori e Inail Sardegna sta procedendo e potrebbe portare al riconoscimento dell'esposizione all'amianto sulla base delle mansioni svolte nella fabbrica e degli anni di lavoro al suo interno. In questo senso il tavolo tecnico istituito dalla Regione potrebbe agire da stimolo per il confronto.

C'è poi il versante romano della vertenza, che vede impegnati i parlamentari Michele Piras e Silvio Lai da un lato e la commissione d'inchiesta sugli infortuni del lavoro presieduta dalla senatrice Camilla Fabbri, che il mese prossimo tornerà a occuparsi del caso Ottana.

«Le denunce delle vedove e dei familiari delle vittime dell’amianto a Ottana non sono state vane, l’adozione di un unico protocollo di sorveglianza sanitaria per tutti i lavoratori sardi ex esposti all’amianto è un passo importante. Non ci saranno più disparità di trattamento da Asl ad Asl», dice Sabina Contu (nella foto), presidente dell’Aiea regionale. «Quando un lavoratore veniva visitato a Oristano o a Sassari riceveva un determinato trattamento e nel caso di Sassari anche un certificato di esposizione all’amianto, a Cagliari invece veniva sottoposto a una visita superficiale. Nel tavolo tecnico inoltre ci sono i maggiori esperti sardi in materia d’amianto. L’altra notizia positiva che riguarda gli ex esposti di Ottana è la convocazione dell’Aiea da parte della commissione del Senato sugli infortuni sul lavoro per affrontare il testo unico amianto, e dunque la possibilità di inserire anche Ottana, Assemini e la cartiera di Arbatax tra i siti industriali in cui i lavoratori sono stati esposti.

Fonte: associazioneitalianaespostiamianto.org